La gastronomia dell'Istria

Il tartufo è senza dubbio il re della cucina istriana. Questo pregiato fungo dall'aroma forte, che cresce nella foresta intorno a Montona e cui vengono attribuite proprietà afrodisiache, viene abbinato soprattutto alla pasta fatta in casa, alle frittate o alla carne.

Il vino e l'olio d'oliva istriani erano apprezzati già nell'antichità e consentivano agli abitanti di praticarne un fiorente commercio. Livia Drusilla, moglie dell'imperatore romano Augusto, attribuiva il merito della propria longevità proprio al vino rosso istriano. Negli ultimi vent'anni i processi produttivi sono stati ammodernati, mentre le quotazioni delle varietà autoctone, ovvero malvasia e terrano, sono sempre più alte sui mercati mondiali.

La zuppa istriana, che costituisce davvero qualcosa di unico al mondo, è un piatto a base di vino rosso con l'aggiunta di zucchero, pane tostato, un po' di olio d'oliva e un pizzico di pepe.

Tuttavia, una delle prelibatezze istriane più note è il prosciutto crudo, prodotto dalle cosce di suino preparate con sale, pepe e piante aromatiche e fatto stagionare al vento di bora, senza subire alcun processo di affumicatura.

I piatti a base di pesce, crostacei e molluschi costituiscono un mondo a se stante, che potrete conoscere nei vari ristoranti lungo le rive. Questi prodotti freschissimi vengono utilizzati nella preparazione di stufati, risotti o piatti di pasta. Anche il pesce e i calamari alla griglia, pur essendo piatti semplici, risultano molto apprezzati.

Il celebre šugo all'istriana, preparato con cipolle, spezie e carne, viene cucinato per alcune ore a fuoco lento e poi ulteriormente aromatizzato con alcune piante mediterranee. Solitamente viene abbinato alla pasta fatta in casa, di cui l'Istria offre vari tipi: fuži, gnocchi, pljukanci, lasagne, etc.

La minestra istriana, una densa zuppa a base di fagioli, patate e carne essiccata, è gustosa sia calda che fredda. La sua preparazione è piuttosto lunga e consente al prosciutto crudo o agli altri pezzi di carne di conferirle un sapore davvero squisito. Spesso vengono aggiunti anche altri ingredienti come il granoturco giovane o la pasta fatta in casa.

Un altro elemento tipico della cucina istriana sono gli asparagi, una pianta spontanea dal sapore amarognolo, ma ottima con le frittate o nell'insalata.

Tra i numerosi dolci istriani vi consigliamo di assaggiare le fritule, piccole ciambelle tonde fritte nell'olio e cosparse di zucchero a velo, e le kroštule, croccanti fiocchetti di pasta sfoglia.